452b

È il business model che il facility management stava ancora cercando: in grado di coniugare specializzazione settoriale e integrazione dei servizi, relationship care e innovazione tecnologica, competitività e diversificazione. La giusta via di mezzo tra i piccoli operatori di filiera e i grandi player internazionali: l’unica formula in grado di valorizzare l’engagement di squadra fornendo servizi più ampi e complessi. Sempre a costi competitivi, grazie alla disintermediazione garantita dalla formula del Consorzio.

Ambiente

Per noi “ambiente” non è un concetto o un’astrazione: è una realtà strettamente legata alla società, per questo ci impegniamo in prima persona affinché le attività imprenditoriali restituiscano al territorio, in forma di occasioni di sviluppo, mantenimento e recupero, le risorse che hanno attinto. 452b chiede alle aziende consorziate di dimostrare la legittimità di qualifiche e adempimenti delle condizioni contrattuali delle persone coinvolte dai contratti di filiera. Privilegiamo inoltre l’utilizzo di materiali riciclati, prodotti bio e filiera corta.

Capitale umano

Perché sono le persone a fare l’azienda

Solidità: i consorziati sono aziende di successo, esperte e ben capitalizzate.
Entusiasmo: siamo all’inizio di un percorso che ci auguriamo ricco di impegno e di crescita. Sempre seguendo il motto Doing good, doing well.
Innovazione: contaminiamo le competenze, mescolando sapere artigiano e tecnologie informatiche.
Rispetto: nei confronti del Cliente e dei lavoratori, per una società più giusta e un lavoro migliore per tutti.
Coraggio: proponiamo un nuovo modello di social business enterprise, creando profitto per trasformare la società.

MODELLO ORGANIZZATIVO

452b unisce partner, anche istituzionali, come per esempio il Politecnico di Milano, che operano con sistemi di competenze produttive e scientifiche verticali, ma con forti potenzialità di convergenza e di contaminazione. Gli interventi di ogni singolo partners soddisfano gli ambiti applicativi particolarmente promettenti e sfidanti, rispondendo alle esigenze progettuali con soluzioni innovative, tecnologiche e sostenibili per un continuo miglioramento qualitativo nel settore. 452b ha applicato una logica orizzontale basata su “sistemi di competenza” al fine di facilitare la fertilizzazione intersettoriale tra le varie aziende ed il mondo della ricerca, elemento chiave per la nascita di nuove progettualità.

Key Points
Soci: rappresentanti delle eccellenze di filiera, lavorano in totale condivisione operativa e commerciale. Accettando e abbracciando il cambiamento continuo, come incentivo a trovare sempre nuove soluzioni, tendendo al meglio.
Coordinamento: competente e innovativo, propone e organizza proposte complesse di servizi, expertise, management e tecnologia. È capace di intercettare il potenziale di sviluppo in un ambiente competitivo dove occorre saper far meglio con meno, dove il cambiamento è la regola e dove situazioni critiche possono verificarsi improvvisamente.
Knowledge Management: per un Consorzio più coeso, intelligente e competitivo. Anche grazie a un’organizzazione smart, che comprende sistema informativo e informatico, cultura aziendale (valori e leadership diffusa) e processi chiari nelle modalità, nei tempi e nei costi.
Utilizzo delle Tecnologie informatiche come leva strategica.

GESTIONE DIRETTA

Qualità, miglioramento continuo, flessibilità, competitività

452b si occupa, tramite consorziati o imprese associate, della totalità dei servizi. Una modalità di gestione che garantisce risultati di eccellenza.

Qualità: perché ogni servizio è curato da un’eccellenza specifica del settore.
Miglioramento continuo: un sistema di monitoraggio informatizzato delle prestazioni (efficienza – lead time, accuratezza, etc.) mediante l’individuazione degli indicatori pertinenti (affidabili – tempestivi – essenziali) governati dalla piattaforma gestionale “F.M.A. – Facility Management Application”
Competitività economica: perché i prezzi restano quelli del singolo artigiano. 452b non carica il servizio dei margini solitamente applicati dall’integratore di servizi, ma applica puri diritti consortili, che il Socio consorziato detrae dal suo utile.
Trasparenza: perché sin dal primo incontro il Cliente conosce il consorziato che sarà coinvolto nell’operatività, e che parteciperà a tutte le fasi dell’offerta.
Flessibilità: perché gli accordi di servizio possono essere modificati in itinere in base alle necessità del Cliente, andando a creare servizi complessi grazie all’unione delle competenze tra diversi consorziati.